Ecografia

L’Ecografia o Ecotomografia è una tecnica diagnostica non invasiva che si basa sull’uso degli ultrasuoni.

Gli ultrasuoni, chiamati così perché non udibili dall’orecchio umano, sono onde meccaniche elastiche longitudinali e si propagano tra i vari materiali in modo differente a seconda del substrato che incontrano.

Dall’interazione con la materia, l’onda ne risulta trasformata. Cambia infatti la sua Energia, la sua velocità ed è proprio sull’interpretazione di questi cambiamenti che si base tale tecnica.

È noto che gli ultrasuoni si propagano meglio e più velocemente nei liquidi ed è per questo che i tessuti molli, che sono costituiti per la massima parte di acqua, si prestano in maniera particolare allo studio ecografico.

É pertanto possibile studiare in dettaglio:

  • addome (fegato, pancreas, colecisti, reni, vescica, aorta);
  • tessuti molli (tiroide, mammelle, muscoli, tendini, cute e tessuto sottocutaneo);
  • pelvi maschile e femminile;
  • apparato circolatorio.

Ecografia

L’Ecografia Addome Completo indaga su morfologia e stato di salute degli organi addominali. In particolare l’esame permette lo studio di fegato, colecisti, vie biliari, reni, pancreas, milza, aorta, vescica e organi genitali interni.

Abbinato allo studio vascolare con metodica Color Doppler si monitorano patologie come l’epatite cronica, la sindrome di Budd-Chiari, l’ipertensione secondaria nefrovascolare, l’infarto intestinale, la flogosi del pancreas, l’anastomosi porto cavale.

L’indagine è assolutamente priva di rischi e senza alcuna controindicazione, poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti. Pertanto è eseguibile da chiunque e a qualsiasi età

Esecuzione esame

Il paziente viene fatto sdraiare su un lettino in posizione supina. L’addome, precedentemente cosparso da un gel, viene esaminato mediante una sonda ecografica. È un esame non invasivo e ben tollerato e dura mediamente 10-20 min.

Preparazione all’esame indicata per adulti

Nei 2 giorni precedenti l’esame seguire una dieta non eccessivamente proteica e povera di zuccheri. Astenersi dal consumo di prodotti integrali, insaccati, bevande gassate e caffè. Moderare il consumo di pane, pasta, patate e riso, verdure e legumi. Sono consentiti invece carne bianche, pesce, frutta senza buccia, e acqua liscia. Per ridurre ulteriormente la presenza di gas nel tratto gastroenterico è possibile assumere carbone vegetale dopo i pasti principali, nei 2 giorni che precedono l’esame.

Importante:

  • Digiunare da almeno 8 ore se l’esame è al mattino ((salvo pazienti colecistectomizzati e comunque sempre compatibilmente con terapie in atto).
  • Per le prestazioni pomeridiane è possibile fare colazione ma non il pranzo (compatibilmente con terapie in atto).
  • L’esame viene eseguito a vescica piena pertanto nell’ora che precede la visita bere almeno un litro d’acqua liscia. In pazienti con grave insufficienza cardiorespiratoria o renale, o che per altri ragioni non possono assumere grandi quantità di liquidi, si consiglia semplicemente di astenersi dall’urinare per 3-5 ore, bevendo normalmente secondo le proprie abitudini di vita.
  • Assumere le eventuali terapie in corso secondo lo schema abituale.

Preparazione all’esame indicata per bambini

Non è prevista una preparazione specifica per i bambini per i quali è raccomandato, quando possibile di presentarsi a vescica piena e a digiuno.

Per maggiori info contattaci

L‘Ecografia Addome Superiore indaga la morfologia e lo stato di salute di fegato, colecisti, vie biliari, pancreas, milza, reni, surreni, stomaco, duodeno, intestino tenue , linfonodi e grossi vasi addominali.

L’indagine è assolutamente priva di rischi e senza alcuna controindicazione poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti. Pertanto è eseguibile da chiunque e a qualsiasi età.

Esecuzione esame

Il paziente viene fatto sdraiare su un lettino in posizione supina. L’addome, precedentemente cosparso da un gel, viene esaminato mediante una sonda ecografica. È un esame non invasivo e ben tollerato e dura mediamente 10-20 min.

Preparazione all’esame indicata per adulti

Nei 2 giorni precedenti l’esame seguire una dieta non eccessivamente proteica e povera di zuccheri. Astenersi dal consumo di insaccati, prodotti integrali, bevande gassate e caffè. Moderare il consumo di pane, pasta, patate, riso, verdure e legumi. Sono consentiti invece carni bianche, pesce, frutta senza buccia, e acqua liscia. Per ridurre ulteriormente la presenza di gas nel tratto gastroenterico è possibile assumere carbone vegetale dopo i pasti principali, nei 2 giorni che precedono l’esame.

Importante:

  • Digiunare da almeno 8 ore se l’esame è al mattino (salvo pazienti colecistectomizzati e comunque sempre compatibilmente con terapie in atto).
  • Per le prestazioni pomeridiane è possibile fare colazione ma non il pranzo (compatibilmente con terapie in atto).
  • Assumere le eventuali terapie in corso secondo lo schema abituale.

Preparazione all’esame indicata per bambini

Non è prevista una preparazione specifica per i bambini per i quali è raccomandato, quando possibile, di presentarsi a digiuno.

Per maggiori info contattaci

L’Ecografia Addome Inferiore indaga su morfologia e stato di salute di ureteri, vescica e pelvi maschile o femminile.

L’indagine è assolutamente priva di rischi e senza alcuna controindicazione poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti. Pertanto è eseguibile da chiunque e a qualsiasi età.

Esecuzione esame

Il paziente viene fatto sdraiare su un lettino in posizione supina. L’addome, precedentemente cosparso da un gel, viene esaminato mediante una sonda ecografica. È un esame non invasivo e ben tollerato e dura mediamente 10-20 min.

Preparazione all’esame indicata per adulti

Importante:

  • L’esame viene eseguito a vescica piena pertanto nell’ora che precede la visita bere almeno un litro d’acqua liscia. In pazienti con grave insufficienza cardiorespiratoria o renale, o che per altri ragioni non possono assumere grandi quantità di liquidi, si consiglia semplicemente di astenersi dall’urinare per 3-5 ore, bevendo normalmente secondo le proprie abitudini di vita.
  • Assumere le eventuali terapie in corso secondo lo schema abituale.

Preparazione all’esame indicata per bambini

Si raccomanda, quando possibile di presentare il bambino a vescica piena.

Per maggiori info contattaci

L’Ecografia della Tiroide consente di esaminare dettagliatamente morfologia e struttura di questa ghiandola nonché dei vasi e organi vicini quali trachea ed esofago.

È possibile valutare le dimensioni del gozzo, eventuale presenza di noduli e loro caratteristiche, presenza di processi infiammatori (tiroidite).

Questo esame viene effettuato in tutti i casi di:

  • valori alterati di TSH, FT3, FT4;
  • tiroide ingrandita;
  • presenza noduli;
  • riscontro di anticorpi anti-tiroide;
  • screaning preventivo anche per lavoratori a rischio professionale.

L’ecografia alla tiroide non dà informazioni circa la funzionalità della tiroide (normale: eutiroidismo; alterata: ipo e iper tiroidismo), ma sicuramente è indispensabile per la diagnosi di alterazioni presenti all’interno della ghiandola.

Con una capacità risolutiva così elevata è in grado di rilevare noduli e cisti anche di piccole dimensioni, discriminando tra lesioni di tipo solido e liquido, lesioni benigne e lesioni a sospetto maligno.

Accoppiato con l’Ecocolor Doppler (eseguito presso il nostro studio) inoltre, permette di valutare con esattezza la vascolarizzazione di essi, potendo fornire una più accurata valutazione circa la natura maligna o benigna da confermare con la FNAB (biopsia eco guidata).

L’indagine è assolutamente priva di rischi e senza alcuna controindicazione poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti. Pertanto è eseguibile da chiunque e a qualsiasi età.

Esecuzione esame

È un esame non invasivo, non doloroso e dura mediamente 10-20 minuti.

Il paziente si trova sdraiato sul lettino, a pancia in su e con lo sguardo rivolto all’indietro in modo che il collo si trovi in iperestensione. La sonda ecografica viene fatta passare su tutta l’area precedentemente cosparsa di un gel conduttore.

Preparazione all’esame

Non è richiesta alcuna preparazione particolare se non quella di eliminare eventuali gioielli presenti sul collo e orecchie.

Per maggiori info contattaci

L’Ecografia testicolare è un esame diagnostico che permette di analizzare nel dettaglio la struttura di borse scrotali, testicoli, epididimi, funicolo. Abbinato al doppler (vedi ECD Vasi Spermatici), studia la vascolarizzazione dell’apparato genitale nonché dei dotti spermatici.

Si utilizza nell’indagine di:

  • Orchite: infiammazione dei testicoli;
  • Torsioni: per varie ragioni il sangue non affluisce normalmente;
  • Noduli testicolari;
  • Idrocele: presenza stabile o transitoria di liquido eccessivo nelle borse scrotali;
  • Varicocele: dilatazione delle vene situate intorno al testicolo e da un “ristagno” del sangue peritesticolare con conseguente riscaldamento del testicolo stesso;
  • Cisti dell’epididimo: molto frequenti e possono essere associati a problemi di infertilità;
  • Anomalie/pataolgie testicolari quali ad esempio ectopia testicolare e criptorchidismo.

Esecuzione esame

È un esame non invasivo, non doloroso e dura mediamente 10-20 minuti.

Il paziente è sdraiato in posizione supina sul lettino. L’esame si esegue posizionando la sonda ecografica cosparsa di gel a livello delle borse scrotali e zone adiacenti.

Preparazione all’esame

Non è richiesta alcuna preparazione particolare.

Per maggiori info contattaci

L’Ecografia della Cute e Tessuto Sottocutaneo è un tipo di indagine relativamente recente che consente di analizzare gli strati costituenti la cute ovvero epidermide, derma e tessuto sottocutaneo.

Nell’indagine si tiene conto che lo spessore di questi tre strati varia in base alla parte del corpo che si sta esaminando, all’età, al sesso e alla corporatura.

Questo esame va eseguito in tutti i casi di:

  • ascessi, cisti, noduli;
  • linfonodi.

Grazie all’elevato potere risolutivo di questa tecnica, è possibile analizzare in profondità e con accuratezza ogni tipo di lesione. Nell’ambito dei tumori cutanei l’esame consente la determinazione di parametri quali dimensione e vascolarizzazione, facilitando l’eventuale intervento.

Ultimamente l’ecografia della cute e tessuto sottocutaneo ha riscosso notevole successo in campo dermatologico, soprattutto nell’indagine di psoriasi e sclerodermia. Il motivo è che questo esame fornisce maggiori dettagli sul decorso di queste malattie e quindi permette allo specialista di orientarsi verso la migliore cura necessaria.

L’indagine è assolutamente priva di rischi e senza alcuna controindicazione poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti. Pertanto è eseguibile da chiunque e ad ogni età.

Esecuzione esame

È un esame non invasivo, non doloroso e dura mediamente 10-20 minuti.

Il paziente è sdraiato sul lettino. L’esame si esegue posizionando la sonda ecografica cosparsa di gel a livello della zona di interesse.

Preparazione all’esame

Non è richiesta alcuna preparazione particolare.

Per maggiori info contattaci

È un esame che consente di esaminare accuratamente fasci muscolari, tendini e loro alterazioni.

È considerato un esame di prima istanza nella diagnosi di:

  • Contusioni, stiramenti, ematomi sottocutanei o intramuscolari, strappi muscolari;
  • Tendiniti (al gomito, ginocchio, piede, mano, spalla, polso, caviglia, tendine di Achille);
  • Cisti, borsiti, artrosinoviti, etc;
  • Formazioni erniatiche.

L’indagine è assolutamente privo di rischi e senza alcuna controindicazione poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti. Pertanto è eseguibile da chiunque e ad ogni età.

Esecuzione esame

È un esame non invasivo, non doloroso e dura mediamente 10-20 minuti.

Il paziente si trova sul lettino. L’esame si esegue posizionando la sonda ecografica a livello della zona di interesse, precedentemente cosparsa di gel.

Preparazione all’esame

Non è richiesta alcuna preparazione particolare.

Per maggiori info contattaci

L’Ecografia Osteoarticolare studia dettagliatamente ossa ed articolazioni, ponendo attenzione a cartilagine, piani articolari e componenti sinoviali/ossee.

Viene utilizzata per la diagnosi di malattie delle articolazioni (polso, mano, anca, ginocchio, spalla, caviglia, piede) e di quelle a carattere neurologico che provocano alterazioni delle funzioni muscolari.

Approfondimento:

L’ecografia osteoarticolare è considerato un esame di prima istanza per la diagnosi precoce della displasia dell’anca. Questa patologia consiste in uno sviluppo anomalo dell’articolazione dell‘anca che porta gradualmente la testa del femore a dislocarsi dalla cavità acetabolare. Si sviluppa già a livello fetale e peggiora progressivamente fino a compromettere il corretto sviluppo motorio. Le cause sono sconosciute ma esistono alcuni fattori di “rischio” quali: parto podalico, sesso femminile, precedenti in famiglia, oligoidramnios (poco liquido amniotico), feto grosso.

Tuttavia la diagnosi precoce (nei primi tre mesi di vita del bambino) e trattamenti appropriati permetteranno al bambino di acquisire normali funzionalità motorie.

L’indagine è assolutamente priva di rischi e senza alcuna controindicazione poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzantiPertanto è eseguibile da chiunque e ad aogni età.

Esecuzione esame

È un esame non invasivo, non doloroso e dura mediamente 10-20 minuti.

Il paziente si trova sul lettino. L’esame si esegue posizionando la sonda ecografica a livello della zona di interesse, precedentemente cosparsa di gel.

Preparazione all’esame

Non è richiesta alcuna preparazione particolare.

Per maggiori info contattaci

L’ecografia pediatrica anche e reni è un esame molto importante, ormai consigliato quasi di routine, perché consente la diagnosi precoce della displasia congenita dell’anca e lo studio di eventuali condizioni patologiche a carico dei reni.

Displasia congenita dell’anca

Questa patologia consiste in uno sviluppo anomalo dell’articolazione dell‘anca che porta gradualmente la testa del femore a dislocarsi dalla cavità acetabolare. Si sviluppa già a livello fetale e peggiora progressivamente fino a compromettere il corretto sviluppo motorio. Le cause sono sconosciute ma esistono alcuni fattori di “rischio” quali: parto podalico, sesso femminile, precedenti in famiglia, oligoidramnios (poco liquido amniotico), feto grosso.

Tuttavia la diagnosi precoce (nei primi tre mesi di vita del bambino) e trattamenti appropriati permetteranno al bambino di acquisire normali funzionalità motorie.

L’indagine è assolutamente priva di rischi e senza alcuna controindicazione poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti

Esecuzione esame

L’esame dura mediamente 15-20 minuti.

Il bambino viene posizionato sul lettino, e collocato su un apposito materassino morbido. L’esame viene eseguito dal medico con l’aiuto di una infermiera, posizionando la sonda ecografica a livello della zona di interesse, precedentemente cosparsa di gel.

Preparazione all’esame

Non è richiesta alcuna preparazione particolare.

Per maggiori info contattaci

L’Ecografia (prostatica) Transerettale è attualmente l’esame elittario per la diagnosi delle patologie benigne e maligne della prostata, mostrando una risoluzione migliore  rispetto alla metodica trans addominale. Questo perchè la sonda ecografica viene inserita direttamente nell’ampolla rettale, consentendo l’acquisizione di immagini con maggiore precisione e riducendo il numero di falsi positivi.

L’indagine è assolutamente priva di rischi e senza alcuna controindicazione poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti.

Esecuzione esame

Il paziente è sdraiato sul lettino sul proprio fianco sinistro, con le cosce flesse verso il petto. Prima dell’introduzione della sonda, l’esame è sempre preceduto da una preventiva esplorazione rettale con applicazione di un gel anestetico. Questo consente di rendere più agevole e meno fastidiosa la visita che comunque, ha una durata di pochi minuti.

Preparazione all’esame indicata per adulti

Importante:

  • Digiunare da almeno 8 ore se l’esame è al mattino(compatibilmente con terapie in atto)
  • Per le prestazioni pomeridiane è possibile fare colazione ma non il pranzo (compatibilmente con terapie in atto).
  • L’esame viene eseguito a vescica vuota.
  • La sera che precede l’esame assumere un purgante o ancora meglio eseguire un clistere di pulizia dell’ampolla rettale.
  • Assumere comunque le eventuali terapie in corso secondo lo schema abituale.

Prevenzione

Il tumore alla prostata è una delle neoplasie più frequenti che colpisce la popolazione maschile. Le ultime statistiche dimostrano che l’età di insorgenza si è abbassata ulteriormente negli ultimi tempi e quindi, già a 45 anni, diventa davvero necessario sottoporsi a una visita specialistica.

Il primo passo è sicuramente quello di superare le proprie resistenze emotive, il proprio pudore. Parlane con il tuo medico.

Per maggiori info contattaci

È un esame diagnostico specifico per lo studio anatomico e strutturale della mammella, fasce muscolari adiacenti e pilastri ascellari.

É importante per la diagnosi di patologie benigne come cisti, fibroadenomi, mastopatia fibrocistica, e patologie maligne come i tumori.

Viene considerato un esame di primo livello per le donne:

  • al di sopra dei 20 anni qualora la visita senologica lo richieda;
  • ad alto rischio di tumore per familiarità o per precedenti tumori;
  • con protesi mammarie;
  • con scarso tessuto ghiandolare;
  • in gravidanza in presenza di particolari noduli palpabili o patologie infiammatorie;
  • nei casi di follow up di pazienti oncologici;
  • nei casi in cui bisogna valutare il decorso di una flogosi.

Ad ogni età i giusti controlli

  • Tra i 20 e i 30 anni:  generalmente basta una visita senologica annuale, eventualmente accompagnata anche da una ecografia in caso di dubbi semeiologici.
  • Tra i 30 e i 40 anni: visita senologica associata ad ecografia annuale.
  • Superati i 40 anni alla visita ed ecografia annuale viene abbinata la mammografia. Quest’ultima con una cadenza annuale per pazienti con tessuto ghiandolare del tipo “fibro-nodulare”o per pazienti in terapia con estro-progestinici oppure pazienti nullipare; con cadenza ogni 18-24 mesi per pazienti con tessuto ghiandolare del tipo “fibro-ghiandolare”. E altresì importante ricordare che nel caso di familiarità diretta (madre-figlia) per noplasia mammaria, l’esame mammografico viene prescritto a partire dai 35 anni.

Come si esegue l'esame

È un esame non invasivo, non doloroso e dura mediamente 10-20 minuti.

Il paziente è sdraiato in posizione supina sul lettino con le braccia alzate sulla testa. L’esame si esegue posizionando la sonda ecografica cosparsa di gel a livello della mammella e zone adiacenti.

Preparazione e chi può effettuare l'esame

Non è richiesta alcuna preparazione particolare.

L’indagine è assolutamente priva di rischi e senza alcuna controindicazione poiché vengono utilizzati esclusivamente ultrasuoni e non radiazioni ionizzanti.

Prevenzione

Oggi in Italia si stima che il carcinoma mammario colpisca circa 37000 donne ogni anno (fonte: Ministero della Salute) . La prevenzione e la diagnosi precoce possono fare la differenza.

Per maggiori info contattaci

Vuoi prendere un appuntamento?

Accedi alle sezione prenotazioni o contattaci direttamente

×

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy e Cookie Policy.